SUPU: "L'omicidio dell'Avv,Fabrizi" Un oltraggio ai Carabinieri,riaprire il caso!






Related News

  • SUPU: C’E’ STATO UN TENTATIVO DI EMARGINARE I CARABINIERI CARO MINNITI,DOVRAI FARE I CONTI CON 200 ANNI DI STORIA
  • SUPU: Antonio Pappalardo e Francesco Patrizi “IL GENERALE RIVOLUZIONARIO CHE FA SOGNARE”
  • Pensioni Militari Supu: Attenti a quei due n.62,organo d’informazione Comparto Sicurezza e Difesa.
  • PENSIONI MILITARI SUPU: AVVOCATO MILITARE GUARDIA DI FINANZA: IL DIRITTO AL RIPOSO COMPENSATIVO E’ IRRINUNCIABILE, A PRESCINDERE DALLA DOMANDA
  • Pensioni Militari Supu: LA VERA EMERGENZA Polizia e militari ridotti alla fame dal governo: “Senza soldi, ci vestiamo con le divise di chi va in pensione”
  • PENSIONI MILITARI SUPU:DICHIARAZIONI A FAVORE DELL’ARMA DEI CARABINIERI
  • Pensioni Militari Supu: Migranti Frontex. Il trattato non e’ stato ratificato,per due anni il provvedimento e’ stato nascosto al parlamento degli abusivi.Di Maio invece di andare in televisione a dire c…, controllasse meglio i suoi colleghi abusivi.
  • SUPU: Forestale, con la distruzione di migliaia ettari di bosco,e’ andata in fumo anche la Forestale.i nostri abusivi governanti quello che toccano inceneriscono tutto.
  • One Comment to SUPU: "L'omicidio dell'Avv,Fabrizi" Un oltraggio ai Carabinieri,riaprire il caso!

    1. Vincenzo Lo Stracco ha detto:

      Ho letto, con interesse, l’articolo pubblicato su “Giallo”con l’intervista rilasciata dal Gen. Pappalardo in merito all’omicidio dell’avv. Fabrizi che patrocinò il ricorso dei sottufficiali dei Carabinieri per l’equiparazione stipendiale agli Ispettori di Polizia. A Pescara dal 1983 al 2007, anno di collocamento in quiescenza, ho comandato la Motovedetta d’altura CC 619, sono stato tra i primi firmatari del ricorso e, avendo vissuto di persona quell’episodio, voglio riportare alcuni ricordi e considerazioni.
      Quella mattina del 6 ottobre 1991 eravamo di servizio col turno 05/12. Arrivato in caserma notai un numero abnorme di auto parcheggiate per l’ora antelucana e troppe luci accese negli Uffici, doveva essere successo qualcosa. Il militare di servizio mi avvisò.”Marescià hanno ammazzato Fabrizi”.Appresa la notizia dissi:”ma chi voleva fare del male al nostro amato Antonio?”, ritenendo erroneamente si trattasse del Brigadiere del Radiomobile.Mi fu subito detto che invece si trattava del nostro avvocato Fabrizi. Mi misi in contatto con l’operatore della Centrale Operativa per avere dettagli sul fatto e mi fu riferito che il legale era stato attinto da colpi di pistola nei pressi del mercato di Piazza Muzii. Li aveva parcheggiato l’auto che voleva prendere per recarsi allo studio di via Milano, ove era stato segnalato un incendio e non un furto.L’operatore della Centrale mi disse che la telefonata non era partita dalla quella caserma. Avvisai che sarei uscito in navigazione in ritardo per recarmi dapprima sul posto per constatare cosa fosse veramente accaduto. Giunto sul luogo dell’omicidio, popolato da CC.e Polizia, riconobbi subito un carissimo collega dei cugini al quale chiesi notizie in merito alla telefonata che aveva raggiunto l’avvocato alle ore 0300 circa di notte e se fosse partita dalla Questura. Mi disse che avrebbe fatto accertamenti e me ne avrebbe dato notizia tramite Centrale. Questo perchè l’appartamento in uso al legale aveva una utenza telefonica che non compariva sull’elenco della Telecom, quel numero era conosciuto a pochissime persone tanto che nemmeno tutti i più solerti ricorrenti, tra Chieti e Pescara, ne erano a conoscenza ed il suo autista Peppino era muto come il servo di Zorro. Avevamo, come punti di riferimento,all’epoca non erano ancora diffusi i cellulari, i numeri telefonici dello studio di Pescara e di quello di Chieti ai quali far capo lasciando il nominativo del chiamante, l’orario e telefono al quale poter essere ricontattati. Andai a bordo ed uscimmo in navigazione.Navigando tra il blu del cielo e del mare col il monotono rumore dei motori interrotti dal gracchiare delle radio di bordo cominciai a riflettere su quanto accaduto almeno per quello che era di mia conoscenza. Nel frattempo la Centrale mi passò la notizia del collega della Polizia, negativa per la chiamata dalla loro Sala Operativa, quindi chi aveva telefonato spacciandosi per ispettore della Polizia? Chiaro l’intento sorpresa, dopo circa un ora di sonno una sveglia di soprassalto, lo studio che brucia, si pensa a correre per salvare il salvabile e non si ha la lucidità, forse perchè ancora assonnati, di chiedere prima un riscontro. Fatti circa 200 metri dall’abitazione al primo isolato ed altri 100 circa per raggiungere la vettura c’era una persona appostata pronta a colpirlo. Una persona che aveva dovuto seguirne le mosse non essendo, tra l’altro, previsto il rientro per quella data a Pescara. Un rientro improvviso come confermato dall’autista. Pensando e rimuginando, conoscendo anche un pò l’avvocato per i numerosi incontri tenuti non solo nel teatrino della parrocchia di via Vespucci a Pescara, ma anche a Roma in diverse occasioni, rilevato che altre inchieste cui lavorava in quel periodo erano relative ad una concessione di linee di autobus e quindi di scarsa importanza, andando per esclusione, anche quella della probabile separazione dalla moglie, giunsi ad una conclusione, un convincimento personale: Fabrizi fatto fuori dai servizi segreti per una serie di motivi logici. Chi poteva raggiungere quella utenza telefonica se non i servizi? chi ha effettuato la telefonata atteso che ne dai CC e ne dalla Questura partì la chiamata? Perchè farlo fuori? Aveva già vinto un ricorso che aveva restituito dignità a 28.000 persone in barba ai proclami dei generaloni di vecchio stampo uno dei quali voleva darci due giorni di consegna per aver ricorso. L’avvocato aveva svegliato e ringalluzzito il popolino e il successivo ricorso per gli Appuntati avrebbe decretato, tanto era sicuro dell’esito positivo,la fine dei vertici del Comando Generale e di una certa politica. Ma non solo, aveva in mente di poter costituire un sindacato per i carabinieri, chi avrebbe mai potuto tollerare tale scempio con la militarità declamata ad esempio che finiva in un bordello ed il personale in fase di permanente recriminazioni di carattere non solo economico ma anche giuridico e di libertà di espressione? sarebbe stata la fine dell’Arma e non lo si poteva permettere. Infine un ulteriore motivo di preoccupazione per il palazzo; con le elezioni politiche in vista fece passare l’ipotesi che potesse candidarsi, forse con una lista propria.Già si calcolava che avrebbe potuto raggiungere e superare il milione di voti tra militari, coniugi, figli, parenti, compari ed affini nonchè essere la sorpresa, il fatto nuovo in grado, col suo 4-5% di voti, di poter determinare le sorti per la formazione di un governo. Ecco quest’ultima forse sarebbe stata la cosa più influente. Messi in moto i servizi finita la storia.Per inciso nel mese di giugno di quell’anno a velletri si tenne il 7°Corso IGP durante il qua Un cordiale saluto Dott.Lo Stracco Cav. Vincenzo Luogotenente CC in quiescenza.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: