Ricevere del “TU” da un maresciallo dell’Arma? Le emozioni non finiscono mai. Avevo provato un forte sentimento nel momento in cui ho sostato in preghiera davanti al monumento che ricorda il Ten. Col. Giuseppe Russo, ucciso dalla mafia, a Bosco Ficuzza. Ne provo un’altra e molto forte: un maresciallo dell’Arma, in merito all’articolo che ho scritto sull’eroico ufficiale, così mi scrive: “Caro Generale, leggo sempre con piacere e, a volte, amarezza quello che scrivi. Questa volta mi sono commosso! La semplicità con cui hai scritto ha raggiunto il mio cuore: complimenti! Sai trasmettere le emozioni che senti e fai si che anche ignari lettori le facciano proprie. Scusami se, da semplice maresciallo, mi permetto di darti del "tu", ma sono convinto, leggendo costantemente quello che scrivi di essere diventato, senza conoscerti, tuo amico e ai miei amici do’ sempre del "tu" siano essi superiori o colleghi, esimi e titolati professionisti o semplici, ma altrettanto speciali, operai. Ti saluto con stima”. Gli ho risposto che per me era un onore ricevere del “Tu” da un maresciallo dell’Arma. Mi sono chiesto: “Ci sono miei colleghi che hanno mai avuto un simile onore?”. Penso proprio di no! Perché il “Lei”, che il regolamento di disciplina militare impone nei rapporti verbali ed epistolari fra superiore e inferiore, non è meritato. Spetta per regolamento. Il “Tu”, guadagnato sul campo in tal modo, è una medaglia al valore. Chissà se i miei colleghi afferrano un simile concetto! Napoleone Bonaparte era tanto amato dai suoi uomini perché era solito intrattenersi con loro e discutere con essi dei loro problemi, anche quelli più spiccioli. Ma con animo sincero. Mai fingendo! Altrove, 25 novembre 2013 Antonio Pappalardo



« (Previous News)
(Next News) »



Related News

  • SUPU: CARABINIERE E STUPRATORE DI NOTTE
  • SUPU:Lettera di repertorio pubblicata sul blog di effettotre. Egregio Generale, la leggo con attenzione e ammirazione i suoi scritti, effettivamente ha detto quello che avrebbe dovuto dire il Co.Ce.R., ma non lo dice, mi domando il perché? Penso che dopo 20 anni di rappresentanza (consecutiva) al Co,ce.r. qualcuno dovrebbe starsene a casa, perché hanno perso stimoli, pensano solo ai loro trasferimenti, a sistemare figli, amici e quelli che gli possono servire per le loro elezioni, in 6 anni di mandato consecutivi, vedasi l’attuale CO.CE.R. CC non hanno fatto un’assise Nazionale, i Co.I.R. non si sono mai riuniti a Roma, il Co.Ce.R. va a Casa dei Co.I.R. con documenti già preparati e li infinocchiano, poi, mai una parola contro questo Governo non legittimato. Io invece che passo ancora nelle caserme e nelle sezioni Carabinieri, domando sempre ai nostri fratelli carabinieri cosa vogliono, se l’attuale rappresentanza, oppure il Sindacato, la risposta e sempre la stessa IL SINDACATO, nonostante devono pagare una quota d’iscrizione e sanno bene che ci sarebbe un caos… questo è perché non abbiamo un rappresentanza seria, passionale e combattente. I Carabinieri questo si aspettano. Generale, non ci abbandoni, perché lei è la vera voce dei carabinieri. Lettera firmata
  • SUPU: Per i troppi Generali collusi con il potere politico l’Arma si sta sfasciando.Cosa fanno i vari comandanti mentre il Popolo difende i Carabinieri? Si godono le loro posizioni di rendita e di eccessiva vicinanza al potere politico? Tirino fuori le palle e, come ha fatto il Generale Favarolo delle Marche che ha difeso un suo appuntato, mandino a farsi benedire qualche magistrato che la deve smettere di rompere le scatole ad uomini che nelle strade mettono ogni giorno a repentaglio la loro vita”.
  • SUPU:Laura Boldrini,pseudo Presidente della Camera dei Deputati,abusiva,illeggittima e incostituzionale,odia le forze armate e di polizia.
  • “Caro Ammiraglio, come al solito, lei ha messo il dito nella piaga. Per manifestazioni così rilevanti, il Sindaco vale quanto il due di coppe quando la briscola è a bastoni. L’ordine e la sicurezza pubblica sono di competenza esclusiva del Prefetto e del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Lo dice il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. Nel Comitato il Sindaco viene invitato se il Prefetto lo vuole. Per una manifestazione di circa 40.000 persone, con i gravi fatti terroristici accaduti in altri Paesi, come si poteva scaricare ogni responsabilità sul Sindaco? Siamo diventati pazzi?
  • SUPU: ATTENTI A QUEI DUE N. 61 GIUGNO 2017,ORGAN0 D’INFORMAZIONE MENSILE DEL COMPARTO SICUREZZA E DIFESA.
  • SUPU:Dialogo fra un “Ammiraglio” e un Generale dei Carabinieri “Vince Igor, il lupo fantasma. Si è arreso persino lo Stato”
  • Carabinieri in missione all’estero, Trump ne vorrebbe sempre di più
  • %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: