Pensioni Militari,Legge 15.Luglio.1950 n.539.Quesito!!






Related News

  • SUPU: Quel pazzo di Pappalardo, ma che combini !
  • SUPU: Gent.li Soci, si avvisa che tutto il personale militare riformato, anche a seguito di patologie non dipendenti da causa di servizio, che abbia maturato il trattamento pensionistico in regime misto o contributivo (escluso il retributivo), ha diritto a percepire inil diritto alla maggiorazione della pensione in ragione dell’applicazione dell’art. 3, comma 7 D. Lgs 165/1997, indipendentemente dal raggiungimento dei limiti di età. Questo diritto è stato peraltro riconosciuto dalla recentissima sent. N. 27/2017 della Corte dei Conti Regione Abruzzo divenuta definitiva. La Corte dei Conti della Regione Abruzzo, che in tal senso si era già espressa nel 2012, ha ribadito che il personale militare escluso dall’applicazione dell’istituto dell’ausiliaria, poichè collocato in quiescenza per riforma prima di aver raggiunto i requisiti di età richiesti per poter usufruire dell’ausiliaria, ha comunque diritto al beneficio compensativo di cui all’art. 3,comma 7, del D. Lgs. 165/1997, che prevede: “il montante individuale dei contributi è determinato con l’incremento di un importo pari a 5 volte la base imponibile dell’ultimo anno di servizio moltiplicata per l’aliquota di computo della pensione“. Per ulteriori informazioni contattare il numero 346 5129456 inviare un email al avvpatriziapino196@gmail.com
  • SUPU: Il Generale Carlo Alberto dalla Chiesa,ucciso dai politici di Roma e non dai mafiosi macellai.
  • SUPU: ALLA MANIFESTAZIONE NIENTE GOLPE,MA SOLO UNA VACANZA ROMANA E BELLA MUSICA ,NON CE NE ANDIAMO DA MONTECITORIO SE GLI ABUSIVI NON LASCERANNO IL PARLAMENTO CON LE DIMISSIONI.
  • SUPU: C’E’ STATO UN TENTATIVO DI EMARGINARE I CARABINIERI CARO MINNITI,DOVRAI FARE I CONTI CON 200 ANNI DI STORIA
  • SUPU: Antonio Pappalardo e Francesco Patrizi “IL GENERALE RIVOLUZIONARIO CHE FA SOGNARE”
  • Pensioni Militari Supu: Attenti a quei due n.62,organo d’informazione Comparto Sicurezza e Difesa.
  • PENSIONI MILITARI SUPU: AVVOCATO MILITARE GUARDIA DI FINANZA: IL DIRITTO AL RIPOSO COMPENSATIVO E’ IRRINUNCIABILE, A PRESCINDERE DALLA DOMANDA
  • 2 Comments to Pensioni Militari,Legge 15.Luglio.1950 n.539.Quesito!!

    1. felice stella ha detto:

      Sono felice stella, capo reparto dei vigili del fuoco, sono stato collocato in pensione per causa di servizio con la 5 massima lo stesso giorno che mi è stata assegnata la causa di servizio. Volevo sapere se ho diritto alla R.I.A. ed altri benefici, sono undici anni che ho fatto domanda al ministero dell’interno tramite comando per avere il beneficio della R.I.A. un mese fa mi hanno scritto dal ministero dicendo che non ho diritto, però voglio precisare che la quinta massima è stata cumulata con altre cause di servizio riconosciute prime del pensionamento. A cosa ho diritto? E cosa devo fare? Vi ringrazio per un eventuale risposta.
      http://www.felicestella.it
      Prego commentare
      G.Pino

    2. modestino spera ha detto:

      Sono un ispettore e ho 22 anni di servizio, causa una serie di vicissitudini durante l’espletamento del servizio ho riportate delle patologie che, ritenute si dipendenti dal servizio hanno fatto si che mi venisse riconosciuta l’infermità ascrivibile alla tabella 7° nella misura massima, già equoindennizzate. Nel 2004 ho prodotto istanza per il riconoscimento di causa di servizio per ipertensione arteiosa. La CMO nel valutarla l’ascriveva alla 8° tabella, misura massima e cumulandola con le precedenti indicava la tabella 6° massima come risultanze di tutte le patologie.
      Qualche giorno fa, mi è stato notificato decreto che riconosceva l’ipertensione arteriosa quali dipendente da causa di servizio , e valutava la stessa ascribile alla tabella 8° misura massima. Nello stesso si elencano le altre patologie già definite con tabella 7° misura massima, si conferma la dipendenza di quest’ultima da causa di servizio, si ritiene che l’infermità derivante è la tabella 8° misura massima, ma non si fa alcun cenno al cumulo delle patologie né tantomeno si fa alcun riferimento alla concessione di equoindennizzi derivanti da tale patologia.
      Nessuno ha saputo sinora darmi certezze se a detto decreto seguirà altro con la concessione di eventuale equo indennizzo e il cumulo di tutte le patologie.-
      Sono disorientato e non so a chi rivolgermi, cortesemente è possibile conoscere se nel futuro mi verrà notificato altro decreto che completerà il precedente nei punti ancora inespressi oppure se questo è l’ atto definitivo.Vi ringrazio anticipatamente per ogni interessamento. Gradirei se possibile la risposta sull’email

      m_spera@libero.it

      Ti contatto via mail
      G.Pino

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: